Aviazione Marittima: a Gallipoli la cerimonia di diploma per i 35 operatori del progetto SWAN, le foto

Si è recentemente svolta a Gallipoli presso il Bellavista Club del Gruppo Caroli per la consegna degli attestati di partecipazione al corso di formazione per “Operatore sotto-bordo di idro-superfici e idro-basi”.

Il corso si è svolto nell’ambito del progetto europeo SWAN (Sustainable Water Aerodrome Network) svolto dall’Aviazione Marittima Italiana, presieduta da Orazio Frigino, con la collaborazione di tutor specializzati nel settore del volo idro, antincendio, navigazione aerea e marittima su mandato del Comune di Nardò.

Il progetto SWAN (Sustainable Water Aerodrome Network) prevede la realizzazione di un sistema di nove idrobasi e idrosuperfici tra l’Italia e la Grecia per incentivare il trasporto rapido e il turismo sostenibile tramite idrovolanti.

L’adesione dei partecipanti è stata formalizzata con un bando di manifestazione d’interesse da parte di Comune di Nardò, Comune di Gallipoli, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio – Porto di Taranto, Autorità Portuale e Comune di Corfù.

«Ringraziamo di cuore le istituzioni presenti in sala – commenta Orazio Frigino – il presidente Pasquale Vitiello della Capitaneria di porto di Gallipoli cui è stato consegnato un attestato come “testimonial”, l’ingegnere Elio Sannicandro dell’asset Regione Puglia, l’assessore al turismo del Comune di Nardò Giuseppe Alemanno, Pino Saracino console della Lituania per Puglia e Basilicata, Attilio Caroli Caputo, direttore generale del gruppo Caroli Hotels, l’ingegnere Benny Mirra della Cybersecurity proveniente da Perugia che da una mano all’aviazione marittima per quanto riguarda la parte digitale informatica, Graziano Mazzolari, presidente della Scuola Italiana Volo, di Cremona affidatario dei Fly test svoltisi su Gallipoli, Nardò, Taranto e in Grecia, il Generale Calzolaro, generale pilota istruttore caccia del 61 stormo, Nicola Della Porta, capitano di lungo corso, marina mercantile, nostro delegato per Termoli, Antonio Melpignano titolare e gestore della marina Molo Sant’Eligio di Taranto, Ciro Gelsomino insieme al direttore generale Andrea Zullo della marina del Gargano, Marina di Manfredonia, porto turistico di Manfredonia, Gennaro Petillo, moderatore e coordinatore del convegno del gruppo Mediaseil di Napoli, Ciro Robotti, per quanto riguarda gli idroscali storici d’Italia, dell’Università Federico II di Napoli, Andrea Pichi Graziani, pioniere dell’avioresort proveniente da San Sepolcro, Dragisa Raicevic del Montadria in Montenegro, proprietario e gestore di un idroscalo nel Montenegro in cui hanno investito grossi imprenditori canadesi, russi e croati, Francesco Garganese della sorveglianza aerea territoriale riguardate il settore droni per la salvaguardia e la protezione delle aree marine protette e i parchi costieri, Paolo Colucci capitano di fregata e tutor della formazione dei ragazzi».

I corsi di formazione si sono svolti in italiano e in inglese. Tutor sono stati, oltre al già citato Paolo Colucci, anche Nicola Della Porta, supervisore e coordinatore della formazione Orazio Frigino.

«La Guardia Costiera – commenta Pasquale Vitiello – non può che plaudire all’iniziativa condotta dall’Aviazione Marittima Italiana. Qualunque attività venga svolta sul mare e per il mare va disciplinata ponendo attenzione alla salvaguardia dell’ambiente marino e alla regolare fruizione del bene collettivo. Ecco perché l’elevazione dei gradienti di sicurezza viene condivisa dall’Autorità Marittima tra le cui attribuzioni si annoverano la sicurezza della navigazione e la tutela dell’habitat marino».

«Lo Sport unisce sempre temi legati alla cultura ed alla storia guardando al futuro, alla ricerca ed all’innovazione – commenta Elio Sannicandro – L’idea di recuperare la storia degli idrovolanti e degli idroscali attraverso la disciplina del volo sportivo si collega con la valorizzazione turistica della Puglia ed in particolare della costa e degli approdi nautici immaginati anche come idrosuperfici. Una prospettiva di grande suggestione consentita da un mezzo aereo affascinante e ricco di memoria».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: